Tuesday, 20 January 2009

Terrorismo S.p.A.

Il libro di Loretta Napoleoni é stato una delusione.

Forse le aspettative erano troppo alte: la quarta di copertina promette "un'interpretazione generale della storia del nostro tempo" (!), e in prefazione l'autrice annuncia che metterá da parte la controversa analisi politica per concentrarsi sull'aspetto economico di questo fenomeno che - secondo calcoli vari - fattura il doppio della Gran Bretagna.

Le 300 pagine che seguono però sono un mattone, un'accozzaglia di nomi (tanti), cifre (non abbastanza), toponimi di luoghi sperduti del Kazakistan e - sorprendentemente - anche un bel po' di analisi politiche.
Per caritá: sono certo che a qualcuno il libro potrà risultare interessante; e mi pare che l'autrice abbia un genuino interesse per il tema di cui tratta. Manca però del tutto la selezione e l'organizzazione del materiale: troppi temi, trattati superficialmente - e manca una logica generale, un filo conduttore che ci prenda per mano all'inizio e che girata l'ultima pagina ci dica cosa abbiamo letto...

Resta poi insoddisfatta la mia curiosità sul caso colombiano in particolare. La stragrande maggioranza del libro é dedicata infatti al terrorismo islamico, ed ai temi a me piú cari vanno solo pochi accenni: due paginette sulla "nascita del narcoterrorismo", una breve analisi della FARC e delle AUC come "stati guscio", accenni alla Colombia come un "paese in via di fallimento", una stima del fatturato dei San Andresitos (il 25% del pil nel 1996!!!), un'incomprensibile definizione delle FARC come "milizia" del cartello di Medellín (!?), la descrizione (anch'essa difficile da seguire) dei metodi del riciclaggio e l'affermazione che "in Colombia l'esercito combatte una guerra contro gruppi armati di sinistra per rendere il paese un luogo sicuro per gli affari dei miliardari"; poca roba e non particolarmente illuminante, insomma.

Giá verso la metá del libro ho cominciato a pensare di lasciarlo a metá: poteva essere la decisione giusta....


Scheda
Terrorismo S.p.A.
di Loretta Napoleoni
Il Saggiatore Tascabili; Gennaio 2008
(Pubblicato in inglese nel 2003, in italiano nel 2005)
ISBN 88-438-0577-0

Monday, 12 January 2009

All Marketers Are Liars

Ben scritto, carina (e giusta) l'idea, ma un po' deludente avendo letto per un bel po' il blog.
Non é troppo "americano" (un concetto ripetuto mille volte, un metodo volto a chi ti capisce solo per sfinimento), gli esempi si fanno leggere, l'insieme é fluido; ma non c'é niente che ti prenda, niente che ti faccia restare a bocca aperta, niente che lo renda un "page turner".

Basti dire che ci ho messo diverse settimane a finire 170 pagine in formato A5...

Scheda
All Marketers Are Liars
The Power of Telling Authentic Stories in a Low-Trust World
di Seth Godin
Penguin Books; Sesta edizione; (Pubblicato nel 2005)
ISBN 1-59184-100-3

Thursday, 8 January 2009

The White War

Un bel libro sulla Prima Guerra Mondiale italiana. Le battaglie, i personaggi, l'opinione pubblica, le alleanze, i fanti, la diplomazia, i caduti, il paesaggio, la cultura: 4 anni di vita e morte sui fiumi e sulle montagne del Nord Est.

Mark Thompson scrive leggero, e rende bene l'enormitá e la tragedia della Grande Guerra. Se da un lato descrive e segue gli eventi militari sul fronte italo-austriaco, dall'altro non trascura gli altri fronti, compreso quello politico interno. Escono molto mal parati il generale Cadorna e i negoziatori Orlando e Sonnino, e sono ben pochi i personaggi che si salvano. Ai politici, Thompson rimprovera di aver permesso che la vittoria paresse mutilata, e che gli italiani si unissero non nello Stato ma contro lo Stato, convinti che il loro sacrificio non fosse stato ben ripagato al tavolo della pace.

Di questo si approfittarono in tanti. Un nome su tutti? Mussolini.

--- --- --- ---

Scheda

The White War
Life and Death on the Italian Front
1915 - 1919

di Mark Thompson

Faber and Faber
Prima edizione, 2008

ISBN 978-0-571-22333-6